Sulla scena del crimine – Femminicidi, ‘tempeste emotive’ e sentenze shock